26 giugno 2008

I nodi lunari nelle Case (prima parte)


Nodo Nord in I casa – Nodo Sud in VII casa

Quando questo asse viene a trovarsi molto vicino all’orizzonte (asse Ascendente – Discendente) si possono riscontrare delle difficoltà alla nascita: il bambino nasce con il cordone ombelicale attorcigliato intorno al collo, in stato di quasi asfissia o in altre condizioni che possono impedire al feto di respirare. Si tratta di un rifiuto all’incarnazione da parte dell’Entità. Per lei la vita sarà molto difficile, una lotta continua. In vite precedenti era stata passiva, codarda e si era sottomessa di propria volontà al dominio di persone che di lei si erano serviti fino all’abuso. Nel suo immenso bisogno di piacere agli altri, di conquistare il loro affetto, fare di tutto per rendersi gradita.
Ora deve imparare le cose che aveva trascurato nel passato, diventare autonoma affettivamente. Aiutare gli altri era stato un modo per sfuggire sé stessa. Aveva visto l’immagine di sé attraverso gli occhi degli altri, ora deve affermare la sua libertà di giudizio. Lo farà scegliendo un modo del tutto originale e anticonformista, perché era stato il conformismo sociale e religioso a soffocarla, renderlo servitore del prossimo. Diventare il padrone anziché il servitore; dovrà dimostrarsi umano e comprensivo, affermarsi senza perdere la dignità o scendere a compromessi. La vita matrimoniale di coloro ancora attaccati al Nodo Sud in tenderanno a ripetere in questa vita gli stessi sbagli del passato e a lasciarsi sopraffare dal coniuge, mentre altri hanno acquisito l’autonomia personale, più vicino al Nodo Nord.

Nodo Nord in II casa – Nodo Sud in VIII casa

Nessuno riesce a conoscere bene queste persone, neanche i familiari; incutono timore o danno la sensazione di trovarsi coinvolti in affari oscuri. Se i Nodi hanno cattivi aspetti o sono collegati a Plutone e con il segno dello Scorpione, è molto probabile che il soggetto abbia un passato di criminalità. Questa è una persona che si trascina verso vecchi segreti, e gli altri non riescono a concedere loro fiducia. Anche se conduce una vita normale, da bravo borghese, si trascina con sé un pesate bagaglio di istinti possenti, sessuali. In vite precedenti aveva usato il sesso come mezzo di dominio, avrà la tentazione di continuare.
Il sesso era stato una merce di scambio per ottenere ciò che voleva. Ora si sente oppresso da oscuri sensi di colpa che non desidera che gli altri conoscano. Se si tratta di una persona evoluta, troverà il coraggio di auto – analizzarsi e trasformare l’analisi in ricerca filosofica. Il Toro è anche un segno di riflessione e saggezza. Per progredire verso il Nodo Nord, il soggetto dovrà dimenticare i brutti ricordi del passato, per non sollevare una grossa pietra dove si nasconde un nido di serpenti. La persona deve dirigersi verso opere costruttive e positive, distaccandosi dalla violenza e dalla gelosia e convincendosi che la disonestà non paga.

Nodo Nord in III casa – Nodo Sud in IX casa

L’eterno studente se ne sta tutto il giorno con il naso sui libri. Nel corso della vita accumula un sapere enciclopedico, ma si tratta di un seguito di vecchie vite, in cui si era dedicato alla ricerca filosofico – religiosa. Il karma indicato da questa posizione nodale è di dover imparare a trasmettere a tutti le cose che sa, di acquistare alla padronanza della parola per comunicare il suo messaggio. Il soggetto si eserciterà nel campo delle comunicazioni; non è sempre facile per lui inserirsi nella società, imparare a trattare con la gente e adattarsi ad essa. Il suo anticonformismo è dovuto al fatto che ha una visione delle cose molto più avanzata e più chiara degli altri.
L’Entità abituata in altri tempi a una grande libertà di pensiero e di espressione, vive nel timore di doverla perdere, perciò si adatta a sacrificarne anche una minima parte alle convenzioni sociali: il suo è un bisogno di spazio. L’angoscia dei legami che lo stringono, dei rapporti con la gente che lo soffocano, mentre lui ha nostalgia degli spazi infiniti. Il suo compito è di essere messaggero, di insegnare. Il soggetto scuote e risveglia, se anche il resto del tema si presta a effetti esplosivi. Può essere una persona nervosa, agitata, fisicamente e mentalmente; deve concentrare le energie su di una cosa alla volta.

Nodo Nord in IV casa – Nodo Sud in X casa

La persona che ha il Nodo Sud nella X casa è una montagna di orgoglio, è quella roccia su cui viveva appollaiato in vite precedenti: ma il suo karma ora vuole che discenda senza rompersi il collo. Nel passato era stato un principe o un capo di stato, temuto da tutti. Il suo potere assoluto faceva di lui un uomo solo, chiuso in sé stesso, che aveva sacrificato il cuore sull’altare dell’ambizione. La prova karmica vuole che sia costantemente dilaniato dal dubbio, dall’indecisione se dare la precedenza alla famiglia o al lavoro perché la decima casa simboleggia l’ascesa professionale ed è opposta alla quarta casa, la famiglia. Ora cercherà di sottrarsi all’influenza della famiglia oppressiva; gli impegni familiari gli sembreranno un impedimento alle esigenze della carriera.
Se decide di sacrificare la famiglia, verrà a trovarsi nella stessa situazione delle vite passate. Se invece sacrifica la carriera sarà tormentato da un continuo stato di amarezza e continuerà a lamentarsi di aver rinunciato a delle occasioni finché non scoprirà le gioie familiari. Altri trovano il modo di conciliare le due cose.

Nodo Nord in V casa – Nodo Sud in XI casa

La persona che ha questo asse nodale è un gran sognatore, è l’uomo del desiderio, gli è data la possibilità di realizzare i suoi sogni. Molto creativo, ma avrà alcune difficoltà a organizzarsi in senso pratico. Questa distorsione tra desideri e realtà fa molto soffrire il soggetto, sempre a dibattersi in difficoltà nel campo familiare e in quello delle amicizie: da una vita precedente non troppo conformista, conserva un bisogno di libertà che mal di concilia con le responsabilità di un genitore. Le sue vite passate sono sempre state piene di amici.
Oggi vorrebbe realizzare i progetti di un tempo, con la creazione artistica o con figli da poter educare a modo proprio. Un conflitto di base tra la vita familiare e i rapporti amichevoli; dovrà cercare di conciliare le due cose. La V casa si riferisce anche agli amori, qui il soggetto dovrà rivedere le sue idee, perché confonde l’amicizia con l’amore e pensa di poter conciliare le due cose senza tracciare una netta divisione. Tratta la persona amata come fosse un bambino, crea un rapporto di disuguaglianza, tende ad assumersi l’autorità assoluta, distruggendo l’armonia della coppia. Il Nodo Nord in V casa sottolinea l’importanza dei figli nel karma del soggetto. Urano significatore degli amici e maestro della XI casa. In campo artistico, se il soggetto crea solo per se stesso e l’attività di tutta la vita è volta a valorizzare il suo Ego, la vita diventa un grande deserto; è indispensabile che esso debba creare anche per gli altri e generi una discendenza, sia essa fisica o spirituale.

Nodo Nord in VI casa – Nodo Sud in XII casa

L’unico viaggi che interessa è quello che porta nelle profondità dell’essere. La gente cerca di impedirglielo erigendo le barriere della morale, della religione, delle convenzioni sociali. Il significato del Nodo Nord in VI casa è il servizio degli altri per mezzo di una terapia, l’aiuto ad un essere per poterlo far rinascere. La grande tentazione del Nodo Sud è quella di sedersi a piangere sui propri guai, sui propri sensi di colpa. I bisogni quotidiani obbligano a organizzare il tempo in modo razionale ed è una cosa molto difficile per questa posizione; avere il coraggio di agire.


Nessun commento: